Milano e i Beatles - 24 Giugno 1965

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il  collegamento tra Milano e i Beatles è apparentemente improbabile. Apparentemente la nostra città ed il gruppo musicale inglese che inventò il “Mersey Beat”non ha alcun nesso comune. Tuttavia, se andiamo per un attimo alla data che titola il lavoro, scopriamo che è la stessa che vide esibirsi i quattro di Liverpool sul palcoscenico del velodromo Vigorelli di Milano.
Abbiamo fatto un salto nel passato per scattare una foto istantanea di quel periodo storico; ritrovarci per un attimo ragazzi e ritornare a vivere quei magici momenti di grande trasformazione del costume.
Abbiamo riscoperto le immagini, i suoni, perfino le sensazioni di quei giorni. Con i passi della memoria abbiamo ripercorso le strade che quarant’anni fa percorrevamo tutti i giorni per andare a scuola, a fare le “prove” col complessino in cantina o per andare in Piazza del Duomo a perdere un po’ di tempo.
Questo lavoro è dedicato alla “Beatles generation”: a quelli che hanno potuto partecipare al concerto del Vigorelli ma anche a quelli che, pur desiderandolo con tutto il cuore, furono impediti.

L’ opera si divide in quattro parti: 

  • Io non c’ero! = Racconto autobiografico di quella giornata senza i Beatles
  • Io ero lì! = Memorie di una ragazza che visse all’inseguimento dei Beatles dal loro arrivo alla Stazione Centrale alla chiusura del Concerto e di tanti ragazzi che furono presential Vigorelli quel giorno
  • I mè Beatles = Traduzione e Adattamento di 25 testi di canzoni dei Beatles in dialetto milanese commentate da immagini grafiche disegnate da notissimi cartoonists italiani (Silver, autore di Lupo Alberto, Quino, autore di Mafalda, etc…) anch’essi della “Beatles generation” rendono omaggio ai “Fab Four”.
  • Milano canta i Beatles = CD contenente 12 canzoni dei Beatles eseguite in milanese da “The Beatland” con trattamento fonico di Beppe Pavan.