Passione punto vendita

Sono decenni che m'interesso di Punto Vendita. Nel 1972 ebbi la fortuna d'occuparmi con piena responsabilità di uno stand che Kartell, Società per cui allora lavoravo, aveva presso La Rinascente di Milano. Oggi si direbbe “Shop in Shop"!

Avevo solo 22 anni e tanta, tanta voglia di fare". Dopo qualche settimana di lavoro compresi che anche un Grande Magazzino è frequentato da clientela fissa e come conseguenza intuii la necessità di rinnovare con una certa frequenza il display della merce e -  con minore regolarità - il lay-out completo dello stand.

Kartell produceva (e continua a produrre) complementi d'arredo prevalentemente in materiale plastico, quindi altamente elettrostatici. Un bel oggetto ricoperto di polvere, soprattutto quando non è regalato, si svilisce e perde significativamente di valore. Uno dei miei segreti era entrare nel Punto Vendita alle 7,30 (più di un'ora prima dell'orario di apertura) per ... fare le pulizie!... Ho dovuto smettere quando i pompieri, addetti alla sicurezza, si accorsero di questa intrusione non autorizzata in quegli orari.

Per esaltare l'offerta l’offerta dei prodotti arricchivo l’esposizione con piante sempre fresche, nuove e rigogliose di cui avevo cura personalmente. Oltre a ciò nutrivo una vera passione per la vendita. In pochi mesi la clientela abituale crebbe ed la soddisfazione di veder crescere il numero di clienti che mi affidavanoi l'arredo completo di camerette per bambini o angoli dove posizionare Rack musicali o scaffalature componibili grandi quanto una parete.

Questi risultati mi diedero grandi contentezze ma la soddisfazione più grossa fu… il raddoppio del fatturato, conseguito dopo il mio primo anno di attività.

Da allora ho cambiato diversi lavori (è più corretto dire “lavori” che “mestieri” in quanto ho sempre gravitato nell’area commerciale). La passione per il Punto Vendita tuttavia mi è sempre rimasta.

A metà degli anni 90 con un esiguo numero di amici fondai il "Popai" Italia (Point Of Purchase Advertising Institute), un associazione per la promozione della comunicazione sul PV, per cui scrissi tra l'altro il "Manuale del Merchandising". Lasciai questa associazione quando diventò troppo grande ed importante per potermi sentire ancora protagonista. Il Punto Vendita è comunque nel mio DNA!

Dal 2001 al 2009 la rivista "INCART" mi ha dato l'opportunità di entrare in contatto con molti cartolai eccellenti. Ne è nata una lunga serie di articoli sotto il “titolo ombrello” Benchmark in Cartoleria. Anche questa esperienza ha arricchito la mia cultura sul Punto Vendita permettendomi di consolidare la convinzione che il punto vendita di successo deve essere "pregno" della personalità dell’Imprenditore e che si evidenzia in tutte le eue manifestazioni interne o esterne al Negozio.

Proprio per Editrice BE-MA, l’editore di INCART, ho realizzato un manuale dove ho raccolto e attualizzato una serie di lavori realizzati nell'ultimo ventennio. L'obiettivo è di costituire una piccola Guida, una sorta di prontuario, per chi fa della Cartoleria (potrà essere definita così anche nel futuro?) il proprio mestiere. 
Guarda il libro sul sito di Be.Ma